giovedì 18 febbraio 2016

Dear myself...

Buona sera a tutti,

come promesso, anche se un po' in ritardo come al solito, oggi vi voglio pubblicare la lettera che mi ero scritta all'Orientation e due riflessioni veloci...

[L'ho aperta il 31 Gennaio, da sola nella mia cameretta americana e poi l'ho tradotta al mio padre ospitante perché gliene avevo parlato ed era curioso di sapere cosa mi fossi scritta. 
Anche se non avevo scritto delle cose particolarmente profonde, rileggere le mie stesse parole mi ha fatto un certo effetto perché ha riportato alla mente tanti ricordi: quei tre giorni bellissimi giorni di pioggia al lido di Spina con tutti gli Weppini, le aspettative e l'attesa della partenza]


Lido di Spina
23 Maggio 2015
Dear myself,
Mancano ottanta giorni al 12 Agosto 2015, alla partenza e sinceramente non so ancora cosa mi aspetta...
Mi troverò bene con la famiglia, mi mancherà la mia?
Come saranno le due sorelle con quei nomi "so american", mi mancherà Nic (mio fratello)?
Sopporterò i tre cani o avrò la conferma definitiva della mia predilezione per i gatti?
Ho tante aspettative, forse troppe, ma il posto mi sembra fantastico e la famiglia pure. 
Non avrei potuto chiedere di meglio, davvero.
Tra centosessanta giorni probabilmente mi verrà il magone rileggendo questa lettera e ripensando a questa piovosa Orientation.
Chissà quante cose avrò visto?
Chissà se sentirò mancanza di casa?
Mi sono iscritta a questo programma pensando di farcela: sono confidente e penso di esserne all'altezza, perché devo riuscirci.
Sono convinta che la distanza non possa fermare le relazioni, le fortifica e in caso contrario, capirò chi conta veramente e chi mi é stato accanto solo per convenienza. 
Il mio più grosso desiderio adesso come adesso sarebbe rileggere queste parole, a metà del mio percorso, sentendomi una persona diversa, una ragazza migliore ed un po' meno timida!

Dai che ce la puoi fare!

Anna

Da quando mi sono scritta ne ho passate tante:
La mia famiglia italiana non mi manca del tutto perché so che tra cento giorni rivedrò e non vedo l'ora!
Con la famiglia ospitante mi trovo bene tutto sommato, ma a volte ho avuto la sensazione che non apprezzassero ciò che ho fatto per loro. Non mi hanno mai chiesto espressamente di fare qualcosa, ma ogni volta che posso pulisco e cerco di dare una mano perché non voglio sentirmi un ospite. Inizialmente ci stavo male perché pensavo di fargli un torto, ma poi ho capito che il loro carattere è così e non ci posso fare nulla: continuo ad aiutare ed essere gentile come ho sempre fatto.
Mio fratello mi manca perché qui non ho nessuno che mi tortura in continuazione. Le mie sorelle americane sono molto incentrate su loro stesse e sui loro interessi perciò quando si chiudono nelle loro camere non ci sono più per nessuno. Ogni tanto facciamo cose insieme, ma non mi coinvolgono mai del tutto... per questo motivo sono contenta di avere un fratello che ora si sta godendo la bella vita da figlio unico!
Inizialmente, vivere con tre cani non è stato facile, ma ora ci sono abituata. Ad essere sincera, preferisco un gatto a tre cani che vivono in casa, ma si sopravvive...
Dal weekend dell'Orientation ho imparato tantissimo e ho visto posti bellissimi, sono contenta della mia scelta e non ho nessun rimpianto.
Parlando delle relazioni posso dirvi che stare così lontani da casa non è facile, ma vi accorgerete di quanto certe persone sono fondamentali nella vostra vita: i vostri genitori in primis, ma allo stesso tempo pure i vostri amici che vi raccontano quello che succede a scuola e ogni tanto vi chiamano. Con alcune persone ho perso completamente i contatti, ma probabilmente ci rivedremo e tutto tornerà come prima. 
Il mio desiderio finale penso che si sia realizzato in questi mesi, perché mi sento completamente diversa, con tanti nuovi sogni e tanta voglia di fare, scoprire e migliorarmi. Sono ancora super timida, ma piano piano faccio progressi.

Questo è tutto per oggi e presto scriverò un'altro post per riassumere tutto quello che è successo durante questo mese... 

P.S: vi consiglio di andare a leggere l'ultimo post del blog di Antonietta, che ha deciso di  comparare le varie esperienze di dodici exchange students! 

A presto,
Anna

Nessun commento:

Posta un commento

TESINA