lunedì 29 febbraio 2016

Febbraio in Review!

Buona sera a tutti,
Finalmente trovo un po' di tempo per aggiornare e raccontarvi cosa mi è successo in questo mese.

Ieri era il mio 200esimo giorno qui ed oggi mancano 110 giorni al ritorno.
Ho già vissuto 2/3 della mia esperienza e non me ne rendo conto perché ultimamente sono tanto felice e non tornerei più a casa. La mia vita qui ha finalmente preso una forma e se penso di doverla abbandonare divento triste (specialmente perché ci ho messo tutta me stessa per aprirmi ed essere meno timida)...
Detto ciò, di seguito cercherò di ripercorrere questo mese anche se probabilmente mi dimenticherò qualche pezzo per strada :)

Il 29 Gennaio c'è stato un rally a scuola e siccome ve lo avevo accennato, ve ne parlo ora nonostante sia passato un mese. Il Black Light Rally si è tenuto per "festeggiare" con un'assemblea scolastica la fine del semestre. Ogni classe aveva un colore specifico e noi Seniors dovevamo indossare qualcosa di arancio fluorescente o bianco... Come al solito, lo spirito scolastico americano non ha deluso, ma non voglio raccontarvi tutto nei dettagli, perché quel giorno avevo la mia l'action cam a scuola e ho filmato un sacco di clip che metterò nel video di Gennaio/Febbraio (lo inizierò a montare non appena avrò terminato questo post).
La stessa sera, la scuola aveva organizzato una festa informale e avevo deciso di andarci insieme ad una mia amica... Quando sono arrivata ed ero in fila per il "controllo" [qui in America il personale scolastico della mia High School all'entrata ti chiede: biglietto, ID, contratto firmato dai genitori e poi giusto per non farsi mancare nulla controllano che il tuo abbigliamento rispetti il dress code], mi arriva un messaggio della mia amica con scritto che non riusciva a venire per un imprevisto. A quel punto ero da sola in fila e sarei voluta solamente tornare a casa... (Ok, ero anche un po' arrabbiata perché quando ti tirano il pacco all'ultimo secondo non fa mai piacere). Nonostante ciò, mi sono fatta coraggio e sono entrata...Per fortuna sono rimasta perché è stata un'occasione per conoscere nuove persone e uscire di casa.

La settimana successiva mio padre ospitante ha cambiato turno al lavoro e siccome rientrava a casa verso le cinque di mattina, riusciva a portarci a scuola ad un orario decente. Lo so che questo non interessa a nessuno, ma non potete capire la bellezza di dormire mezz'oretta in più dopo mesi in cui mi sono svegliata prestissimo per arrivare a scuola alle 6:50 e rimanere fuori per più di un ora aspettando l'inizio delle lezioni. Una mattina ci ha pure preparato cinque cupcakes alla mela e cannella che ho fotografato perché li aveva fatti con un mix in busta, ma erano buoni! :).

Il weekend del 6-7 c'è stato il Superbowl e ve ne ho parlato nel primo post di Febbraio, se volete andare a rileggerlo, vi lascio il link QUI. Per il pomeriggio del Superbowl avevo preparato pure la Lemon Curd, una torta con la crema al limone che mia mamma italiana fa spesso (la definirei una dei suoi cavalli da battaglia :') ). L'avevo già proposta alla mia hfamily e siccome avevano apprezzato, l'ho rifatta e si è volatilizzata in meno di due giorni. Qui in America il concetto di torta è prettamente associato a pies e torte di pan di spagna con quintali di zucchero e glassa, ma per quel che mi riguarda, la semplicità ed il profumo della pasta frolla battono tutto... In ogni caso, sempre per rimanere in tema di cibo, il sabato, mentre facevamo spesa per la festa del SuperBowl, siamo passati anche in un Deli Italiano di Fresno. Li ho trovato i savoiardi per il Tiramisù, la passata di pomodoro Mutti (2,5 $ a lattina, ma l'ho comprata per condire decentemente la pasta) e 150g di Pan di Stelle a 3.99$. Ok, mi rendo conto di averli comprati a peso d'oro, ma quando li ho visti non ho saputo resistere e mi sono fatta un regalino (qualunque Italiano fuori sede mi capirà benissimo)... 
Qui a fianco vi lascio la foto della torta ormai finita, la passata Mutti e i miei Pan di Stelle :) 

Il 12 Febbraio è stato uno dei giorni più felici da quando sono qui, siccome dopo scuola ho invitato Hannah e Kassandra a casa mia. Voi penserete che non ci sia nulla di strano, ma a volte non considero questa casa americana come "casa mia" al 100% e non avevo mai chiesto apertamente di chiamare qualcuno per paura di disturbare. Ovviamente avevo chiesto in anticipo il permesso, avevo fatto la spesa e passato l'aspirapolvere. Le avevo invitate con la scusa di cucinare insieme ed è stato divertente vederle impastare per la prima volta. Il risultato lo potete vedere nella foto qua a fianco... dopo ore di duro lavoro, abbiamo trasformato mezzo chilo di farina e cinque uova in una quantità spropositata di tagliatelle al sugo con basilico e Parmigiano Reggiano. Verso le 20:00 abbiamo mangiato tutto e le mie amiche hanno fatto il bis (dopo di che, hanno portato a casa pure gli avanzi perché erano troppo soddisfatte). A completare la giornata in bellezza è stato l'arrivo del pacco che mi hanno spedito i miei genitori :) Dentro c'era di tutto: tortellini di cioccolato, cremini Fiat, Torrone, Abbracci e Pan di Stelle, Ragù e sughi vari, Nocciolata e pure la calza della Befana che mia zia mi prende ogni anno! 
Dopo mangiato siamo salite in camera mia e abbiamo iniziato a parlare. In quel momento ero veramente contenta perché mi sembrava di essere in Italia, con le mie migliori amiche a chiacchierare. Mi sono resa conto, tutto d'un tratto, di aver delle amiche pure qui Oltreoceano, perché eravamo sedute in cerchio sul pavimento a parlare come se ci conoscessimo da una vita. Ad essere sincera, una serata in compagnia di buoni amici mi mancava e quando ritornerò in Italia apprezzerò tantissimo tutti i momenti che passerò chiacchierando con i miei migliori amici Italian e con un the o una cioccolata calda, a seconda della stagione :). 

Proseguendo con ordine, la settimana scorsa ho iniziato i tryouts per provare ad entrare nella squadra di Badminton. Premetto che io sono negata per lo sport e non sono una persona particolarmente atletica, ma ci ho provato per divertirmi, avere qualcosa da fare al pomeriggio e sentirmi parte di un gruppo. 
Ho pensato che badminton fosse fattibile... le ultime parole famose, siccome da quest'anno, la coach ha istituito i tryouts pure per questo sport. 
Ero super contenta di iniziare: mi ero comprata la racchetta e avevo fatto la visita medica come da regolamento... lunedì scorso ho iniziato!
Al primo allenamento, la coach ha puntualizzato le regole ed il fatto che voleva una squadra forte: delle 61 ragazze che si erano iscritte ne avrebbe tenute solamente 40 (20 in prima squadra Varsity e 20 in seconda squadra JV). [Il mio distretto scolastico non permette agli exchange student di giocare in prima squadra, ma io non ero nemmeno preoccupata, date le mie doti!] Anyways, dopo l'appello iniziamo l'allenamento e per darvi un'idea di quanto sia stato duro, il giorno dopo non riuscivo a fare le scale per i muscoli doloranti. Le mie gambe non hanno mai fatto così tanti squats e scatti in vita loro e il tutto concentrato in due ore è stato devastante.
Mercoledì ho avuto il secondo allenamento e abbiamo rifatto lo stesso workout, mentre venerdì abbiamo giocato mentre la coach ci osservava.
Ero abbastanza fiduciosa di entrare in squadra perché avevo vinto tutte le partite che avevo giocato, ma questa mattina quando sono andata a controllare la bacheca con un po' di sorpresa ho scoperto che sono stata esclusa. 
Subito ci sono rimasta un po' male, ma poi ho capito che alla fine è meglio così visto che non sono una persona competitiva e che il mio posto sarà occupato da una ragazza si migliorerà e che giocherà pure il prossimo anno. 
Questo è uno degli aspetti negativi del capitare in una scuola gigantesca, per un'exchange: tutti sono competitivi e l'unico interesse che hanno è vincere e tenere i migliori! In una high school più piccola tutti verrebbero accettati pur di raggiungere il numero minimo per formare un team.

Venerdì scorso sono andata a fare shopping con le mie sorelle ospitanti ed il mio hdad e ho iniziato a cercare un vestito per il prom... Ne ho provati tantissimi e sinceramente non saprei quale scegliere perché mi piacevano praticamente tutti.
La mia intenzione sarebbe quella di andarci con un vestito corto e delle converse, ma mio papà mi ha bocciato l'idea perciò continuerò la mia ricerca. 

Anche se in questi ultimi mesi non ho viaggiato tanto e non mi sono mossa da casa, penso che Febbraio sia stato uno dei più belli perché ogni giorno conosco delle persone nuove e vedo i miglioramenti del mio inglese. Parlo sempre con tante persone e non sono mai da sola! 

Mi rendo conto che questo post sia veramente lunghissimo, perciò vi saluto con una Donut, un Burrito, siccome sono una persona cattiva e voglio  farvi venire voglia di mangiare :').
Alla prossima,

Anna

Nessun commento:

Posta un commento

TESINA